COSA NON PUÒ MANCARE AD UN MATRIMONIO?

Ad oggi credo di aver partecipato nella vita a 4 matrimoni (non è una citazione voluta), eppure ho ricordi confusi, tranne per quella volta in cui c’era un Mago a fare intrattenimento e nel mio bicchiere si è materializzato un pesce rosso, vivo. Effettivamente quello è stato un grande effetto speciale ma noi abbiamo deciso di soprassedere. Solo per chiarire, in questo post l’argomento principale sarà “è una cosa in più”, altra frase che ti seguirà durante la maggior parte dell’organizzazione di un matrimonio.

E così, mentre cercavamo cosa mangiare, il mio consorte ha preso la tangente e ha iniziato a pensare a cosa, a suo parere, non poteva assolutamente mancare al nostro matrimonio

Ed è qui che che ho capito che in realtà mi stavo per sposare un tamarro, che finora si era travestito da ‘ragazzo per bene’.

Prima delle ballerine brasiliane, l’artista di strada con il fuoco, le giraffe e gli acrobati si passa per

L’ANGOLO CUBANO

Uno stand con sigari, rum e cioccolato, un angolo copiato dalle scene del film Titanic, ma in versione ‘pacchiana’

Che poi, nel caso particolare, il mio lui non beve whisky e nemmeno fuma, figuriamoci i sigari ma ho scoperto che “si tratta di un servizio che non puoi non offrire agli ospiti”. Così, senza fare troppe domande perché col tempo capisci che meno chiedi e meglio è, mi ritrovo a un incontro in cui ci vengono illustrate differenti tipologie di rum, di whisky e di sigari (il cioccolato è sempre quello, evidentemente). Al secondo shot di assaggio sento avvisaglie del reflusso che non aspetta altro che diffondersi nel mio stomaco insieme ai lontani ricordi di un passato di superalcolici stemperati dal succo alla pera e che accompagnano la mia espressione di disagio. 

A seguire LA MUSICA

Una band di emergenti

Ecco che tra un video su YouTube e l’ABC dell’organizzazione del Matrimonio ci avviciniamo a importantissime categorie finora scoperte attraverso la televisione: i talenti incompresi e gli artisti emergenti.

Lo scouting è già stato un programma – conoscendo tra intimi solo persone in grado di suonare il flauto dolce grazie a 2 ore di musica a settimana durante le medie e, se devo dire la verità, dopo l’attacco all’inno della gioia non mi ricordo altro – per cui ho “assunto” una ragazza dell’app matrimonio.com che si è finta me e ha iniziato a chiedere preventivi in giro. Per un periodo, anche se breve, ho quindi vissuto da Mara Maionchi ricevendo telefonate di gruppi di giovani che mi chiedevano quando potessero farmi sentire qualcosa. E così che arriviamo fuori Torino, in una stanza dei sotterranei di una piscina/scuola/palestra – luogo perfetto dove perdere la vita per mano di sconosciuti che ti vogliono far sentire la loro musica – ad ascoltare un concerto di un’ora e mezza privato.

Per poi concludere con I FUOCHI D’ARTIFICIO, che creano subito l’atmosfera da festa, sostituibili solo dalle fontane che sparano acqua o luce a tempo di musica, o ancora meglio, le lanterne cinesi che volano su su su e poi si scontrano contro un albero, incendiano il parco e vengono vietate. Tutte cose “non sono essenziali, ma fanno la loro figura” nell’impreziosire importanti momenti di vita.

Una risposta a "COSA NON PUÒ MANCARE AD UN MATRIMONIO?"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: